Delegazione giornalisti italiani nel Sichuan

Dal 17 al 27 giugno 2017 una delegazione composta da giornalisti delle principali testate e emittenti radiofoniche e televisive italiane e cinesi ha compiuto un viaggio della provincia del Sichuan, nei distretti di Chengdu e Pechino. Scopo del viaggio è stato quello di sperimentare nuove opportunità di cooperazione tra Italia e Cina, partendo dalla conoscenza e dall’approfondimento delle sfaccettate realtà cinesi attraverso la visita a distretti industriali, centri di ricerca e poli tecnologici, insieme all’esperienza diretta, nei villaggi, dei risultati delle politiche di sviluppo industriale e infrastrutturale, riduzione della povertà, tutela delle minoranze etniche e linguistiche, dei beni culturali, dei luoghi di culto e dell’ambiente.

Tra le varie tappe, la delegazione ha potuto visitare il villaggio Huopu, del distretto Zhaojue, prefettura Liangshan, ove si concentra la più grande popolazione di etnia Yi e dove più sono evidenti gli interventi di alleviamento mirato della povertà. Di grande importanza per lo sviluppo scientifico-tecnologico dell’intero paese è, invece, la città di Chengdu, capitale dell’opera di formazione dei talenti cinesi, e sede anche dell’Eupic, l’unico Centro d’innovazione realizzato dall’Unione europea in Cina sotto l’approvazione del Programma d’investimento in Asia dell’Unione. Tra gli esempi di combinazione di sviluppo industriale, riduzione della povertà, tutela dei territori, promozione dell’agriturismo e perfezionamento delle misure di ecosostenibilità, si ricorda l’interland di Yibin; il tutto senza dimenticare la cosiddetta “Cina della bellezza”, con la cultura gastronomica locale e dei “cibi comuni” inseriti nella lista dei beni culturali immateriali del Sichuan, il Parco nazionale del Panda, e il turismo di Chongqing. In vista della promozione di una connettività più efficace tra i due paesi, la delegazione ha, inoltre, appreso degli sviluppi registrati nel China Express Railway Chengdu-Milano e ha svolto dei sopralluoghi in cantieri, tra cui quelli per il miglioramento delle infrastrutture di trasporto a favore della riduzione della povertà e dello sviluppo economico, apprendendo i cinque principi per la costruzione delle autostrade: “servizi, ambiente, garanzia, manutenzione e buon funzionamento”.
Nell’ambito delle visite, la delegazione ha condotto numerose interviste a rappresentati istituzionali a livello provinciale e locale, dirigenti industriali e operatori dei media nazionali, e ha, altresì, raccolto le testimonianze della società civile.

Il viaggio è stato organizzato da CMG-China Media Group/CRI-China Radio International, Ambasciata Cinese in Italia, Ufficio per le comunicazioni del comitato della provincia del Sichuan del PCC e dall’Istituto di Cultura Cinese, in rappresentanza del quale ha presenziato il Direttore, Davide Antonio Ambroselli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *