50 anni di relazioni diplomatiche Italia-Cina: traguardi e prospettive

Nel 1970, l’Italia e la Cina formalizzarono le loro relazioni bilaterali, l’istituto per la Cultura Cinese ha deciso di celebrare tale ricorrenza nalla prestigiosa sala Zuccari del Senato con un evento che ha visto la partecipazione di illustri ospiti

  • Luigi Di Maio, Ministro degli esteri e della cooperazione internazionale
  • i due presidenti delle commissioni esteri di Camera e Senato Piero Fassino e Vito Petrocelli, già Presidente dell’Istituto
  • Li Junhua, Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia
  • Riccardo Nencini, Presidente della Commissione Cultura Senato
  • Ettore Rosato, Vicepresidente della Camera dei deputati e Presidente dell’Istituto per la Cultura Cinese.
  • Davide Antonio Ambroselli, Vicepresidente dell’Istituto per la Cultura Cinese.

L’Istituto per la Cultura Cinese, partendo dalla dimensione parlamentare, sin dal 2016 ha intensificato gli scambi culturali ed istituzionali con la Cina, vantando l’iscrizione di oltre 100 parlamentari tra Camera e Senato. L’Istituto, che si pone in naturale continuità storica con il “Centro studi per la promozione delle relazioni economiche e culturali con la Cina”, fondato nel 1953 da Ferruccio Parri, proprio negli anni in cui Pietro Nenni, leader storico dell’area socialista, svolgeva il suo primo viaggio istituzionale in Cina su invito del premier Cinese Zhou Enlai.

Pietro Nenni ebbe quindi un ruolo importante nel progetto di normalizzazione delle relazioni diplomatiche italia Cina, già ministro degli esteri nel Governo De Gasperi per alcuni mesi, prima di tornare a ricoprire la carica nel 1968, anni in cui, sotto il suo decastero, diede una spinta decisiva verso la firma degli accordi tra l’Italia e la Cina.